LA VALIGIA DEI SOGNI

LA VALIGIA DEI SOGNI
Featured image
E’ una valigia di cartone legata da uno spago, la valigia che contiene i nostri sogni,
la teniamo in cima a un armadio dentro casa, la dimentichiamo per mesi. a volte per anni.
E’ vecchia, ormai ridotta male, con tante etichette attaccate sopra, aeroporti, stazioni, isole lontane, voli speciali che non hanno prezzo, perché a volte non li abbiamo pagati o a volte li abbiamo pagati cento volte tanto il loro valore, ma con la felicità grande di farlo.
Mi sono ricordata una mattina per caso che avevo quella valigia, ho presa, era piena di polvere, non avevo il coraggio di togliere lo spago, e se i miei sogni scappano via?
O se la apro e la trovo vuota?
La guardavo con il cuore che batteva forte, il desiderio di aprirla era grande, mi ripetevo.
” E se non ci sono più sogni? “ Fermarsi per la paura di non avere più sogni.
Rinunciare ad aprire quella valigia, forse significa voler smettere di vivere, ma vivere è qualcosa di immensamente diverso dal semplice respirare, dal lasciare che il cuore pompi sangue in un contenitore che sarebbe il nostro corpo, senza un desiderio grande da realizzare, un lavoro, un amore, un’utopia, un figlio…. quello che la nostra vecchia valigia contiene non importa, non può stare vuota sopra un armadio.
Presa da questa convinzione ho aperta, non era vuota. Mancavano alcuni sogni, qualcuno si regala, qualcuno ce lo rubano, ma ce ne erano ancora tanti...tantissimi, li ho riconosciuti, si erano i miei, potevo ancora prendere altri treni, potevo ancora pensare di partire, improvvisamente li volevo tutti, ne volevo altri per riempirla, ma non per tenerli tutti per me, il desiderio più grande era quella di regalare un sogno, a chi ha la sua valigia vuota, perché potesse anche lui partire ancora ripartire perché magari preso dalla frenesia della vita non si era accorto che perdeva i suoi sogni.
Li guardavo estasiata, erano loro, i miei sogni dimenticati, accantonati, messi un attimo da parte, i miei sogni che credevo perduti.

[farfalle3.gif]

Belli stupendi, pieni di colori, erano di nuovo con me, la stanza era buia, ma aperta quella valigia un arcobaleno stupendo la illuminava, e questi sogni come farfalle colorate volavano per la stanza e si posavano su di me, come se fossi un fiore, e mi sentivo un fiore raro, unico.
Avevo per me delle farfalle che nelle ali avevano nascoste piccole felicità.

-Tutte queste parole per dirvi, se qualcuno di voi ha una valigia di cartone dimenticata sopra un armadio, ci guardi dentro domani… al più presto, non è vuota, forse basta solo avere il coraggio di guardarci dentro – ©ELisa

Niente è per caso di R.Bach

Richard Bach è un autore a cui sono particolarmente legata, adoro il suo modo semplice di raccontare storie che, seppure semplici, portano con se vari spunti di riflessione e dei grossi insegnamenti.

E’ il caso anche di “Niente per caso”. Che Bach sia appassionato di volo è cosa risaputa, basta solo leggere il titolo di molti dei suoi libri, basta leggere la trama delle sue storie, riguardano per lo più racconti di viaggi, di aerei, di piloti.

Per Bach il volo è la sua vita, ma da ex pilota di aerei, da persona che ama volare e che ama gli aeroplani, da una persona che ha vissuto con passione il volo ci si può aspettare qualcosa di diverso? Credo proprio di no, le passioni fanno girare il mondo e rendono vive le persone, senza passione siamo grigi, piatti, siamo degli automi.

“Niente per caso” è il racconto di una estate trascorsa da Bach e i suoi compagni. E’ l’estate in cui insieme, in nome dei vecchi Circhi Volanti fanno volare su degli aerei che possono essere considerati d’epoca centinaia di persone.

Il susseguirsi dei vari punti in cui fanno sosta, il susseguirsi delle città, delle persone e delle situazioni rende chiaro che ogni luogo non è uguale al precedente e non lo sarà neanche nel successivo. E’ palese che ogni città reagisce all’arrivo di questi insoliti viandanti in modo diverso.

Ma dopo la metà del libro Bach inizia ad interrogarsi su alcuni quesiti e giunge alla conclusione che niente accade senza un motivo, il problema si pone quando questo ‘motivo’ non è chiaro e non si chiarisce nell’immediato.

Tra pag 167 e pag 169 è descritta una situazione che fa infuriare e fa dispiacere l’autore. Bach ama volare e trova inconcepibile che gli altri non comprendano la bellezza del volo o di quanto per lui sia importante. Il suo primo pensiero, quello arrabbiato, quando si rende conto che il suo entusiasmo per un volo all’ora del tramonto non è condiviso ma, sente una donna dire che non vola se non è costretta,  è questo :

“Quella povera gente non sapeva; con la loro prudenza si faceva sfuggire il paradiso”

Dopo di che Bach si alza in volo e ammira, insieme al suo biplano, quello stupendo tramonto; ma c’era qualcosa che l’aveva colpito fino in fondo, qualcosa che gli altri non erano in grado di capire, vuoi per interessi diversi vuoi perchè non avevano la sensibilità per comprendere cosa provava il pilota che gli offriva un volo in cambio di 3 dollari:

“Rimasi seduto, solo, per un intero minuto; non volevo parlare con nessuno né sentire nessuno né vedere nessuno. Sapevo che non avrei mai dimenticato quel volo, e volevo un minuto di silenzio per riporlo con cura nella mia memoria, perchè ci sarei tornato ancora molte volte, negli anni a venire.

Qualcuno disse piano, tra la folla: “Ha il coraggio di dieci uomini, a volare su quel vecchio catorcio”.
Mi venne voglia di piangere. Non capivano… io … non riuscivo … a farli … capire”

La gente non capiva quanto potesse essere bello ammirare un tramonto da un aereo in volo, quanto poteva essere ‘bello’ il ‘vecchio catorcio’; ma il punto principale era che le persone vedevano solo un vecchio aereo, un oggetto di ‘antiquariato’ mentre per Bach era un’estensione di se stesso, qualcosa con cui viveva in simbiosi e trovava doloroso rendersi conto che non solo non apprezzassero il biplano, ma che non riuscivano a comprendere quanto per lui fosse importante quel ‘catorcio’.

E poi c’è la conclusione della storia, la fine dell’estate, il biplano che si rompe e che Bach vede come se fosse morto; ma calcolando il tempo che impiega per sistemarlo e rimetterlo in funzione, forse è il caso di considerarlo in coma.

Morale della favola: niente avviene per caso e c’è sempre una lezione da imparare da ogni cosa che ci succede…

“La lezione che era stata così difficile da scoprire, e così difficile da imparare, diventò immediata e chiara e facile. La ragione dei problemi è la loro soluzione. Perché questa è la vera natura dell’uomo, andare oltre i limiti, provare la sua libertà. Non è la prova che abbiamo davanti, quella che determina chi siamo e cosa diventeremo, ma il modo in cui superiamo la prova, se buttiamo il cerino sul rottame o se, superandolo, passo dopo passo ci facciamo strada verso la libertà. “

Volare …

Volare…

E’ nel bosco che entrando alla ricerca di qualcosa, mi sentivo perso.
Molto più tardi capii che non dovevo cercare tra i mille sentieri gia segnati, ma intraprendere strade nuove, sconosciute, forse pericolose e oscure ma sicuramente diverse da tutte quelle già percorse.
Lo feci ma vi trovai nuove illusioni e ancora alla ricerca di qualcosa di vero che potesse condurre la mia anima in una direzione in cui credere.
In qualcosa o in qualcuno.
Più tardi compresi che l’unico sentiero più vero e più sicuro non l’avevo ancora percorso, era l’introspettivo viaggio all’interno di me stesso.
Fu dopo di allora che intrapresi sentieri già segnati dai miei passi, in una nuova consapevolezza; le visioni distorte delle cose, assunsero la giusta dimensione, ampliandone la visione.
Essendo se stessi in un armonico equilibrio, la ricerca sarà l’alimentazione dell’anima, i sogni, le delusioni il punto da dove ricominciare.
Adesso sono pronto a Volare …

Copyright © Poesilandia