La mia isola immaginaria #poesia

La mia isola immaginaria

Come parola ché tornano indietro,
sento il vento che pervade gli alberi,
ammiro la fragile bellezza del mare 
ché emerge dalla sabbia, 
e respiro il dolce profumo dei fiori selvatici,
mescolato all’aria dove la terra, 
la sabbia, gli alberi in fiore.

La vita sulla mia isola 
cattura immagini
che coinvolgono tutti i sensi.
La luce e il calore 
che provengono dal mare,
la sabbia, la brezza
il profumo dei fiori.

Sogni tramandati dal vento;
il vento dell’isola 
che sembra raggiungermi, gioioso.
E solo il pensiero 
del mia isola mi ispira 
davvero da un mondo lontano, 
da gente in pace con se stessa.

Vorrei fermarmi… 
vivere su una isola deserta, e … 
” ché il mondo vada avanti 
chi se ne frega!”

Ho scoperto un mondo di parole
Sembravano note
Cariche di magia
Cosi e nato la mia prima poesia.

Elisa© 

#Poesie Erano tempi meravigliosi …quando il social si leggeva tanta poesie. Pensieri positivi …  Nostalgia

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Pensiero della sera …

Una parola è un bocciolo che cerca di diventare un arbusto.
Come si può non sognare mentre si scrive?
È la penna che sogna.
La pagina bianca dà il diritto di sognare.

PENSIERO DELLA SERA

Cara vita,
qualche volta concedi un attimo di tregua alla gente stanca.
E’ che qui i buoni ci rimettono sempre. Amen.

Notte serena

Elisa

 

 

TEMPO

TEMPO

Attraverso
il diaframma
della memoria
mi fermo,
sorrido
e guardo com’è vicino
quel tempo
quando ancora lo stupore
accendeva gli occhi,
quando correre
e saltare e ridere …
era lavoro serio,
scrupoloso
e niente ancora
era certo

e la bambola, rotta,
c’era chi la riparava

e chi sapeva sempre tutto
e dava risposte
a me che chiedevo,
a me che cercavo
e il tempo non passava mai!

Lontana quella primavera,
lontani quei fiori,
passati quei giorni,
eppure ancora il profumo
è nell’aria.

Tutto,
fotografia sbiadita
d’un cammino,
lontani tracciati di tempo
e di spazio
la lente del ricordo svela
ed ogni minuto
ingrandisce e avvicina
e ferma,
almeno un po’
lo scorrere delle ore.
E ancora s’aspetta
e si sogna.

C’è tempo.

miracolo