253 – Dicembre

Buon giorno amici, eccoci l’ultimo mese dell’anno …

Dicembre è il dodicesimo ed ultimo mese dell’anno secondo il calendario gregoriano, conta di 31 giorni e si colloca nella seconda metà di un anno civile. Era il decimo mese del calendario romano (da cui il nome), che iniziava con il mese di marzo. La Chiesa cristiana celebra il Natale di Gesù il 25 dicembre.

Buongiorno … si vede al mattino? Vi ho preparato il tè, un nero aromatizzato all’arancia e cannella.
Molto indicato per questa mese, fredda e umida.
Con questa tazza di tè calda e avvolgente vi faccio i miei più cari auguri di trascorrere un mese lieto e gioioso!

Sebbene ami i tè puri, in inverno mi piace berne qualcuno aromatizzato, mi danno la sensazione di calore e l’aroma lo trovo molto in sintonia con la stagione fredda. – come il tè nero aromatizzato alle arance rosse di Siviglia.-

E’ il mese di Santa Lucia e di Natale. Dicembre da sempre rappresenta un momento particolare dell’anno, fatto di attese, di incanti  e di magie, un periodo in cui i bambini sono particolarmente attenti e curiosi di quanto avviene attorno a loro, vivendo questi giorni con grande trasporto e cullandosi nei sogni. “Un dicembre di fiabe”

Natale, sinonimo di tante cose.
tradizioni, canti, antiche ricette tramandate dalle nonne,
pomeriggi passati tra caminetto acceso e cioccolata calda …
e un libro tra le mani.
Non un libro qualunque un libro che
sia pieno dell’atmosfera di Natale.

Tantissimi grandi della letteratura da Dickens a Pasternak,
da Tolstoj a Buzzati e tanti, tanti altri hanno lasciato pagine indimenticabili sul Natale.

Proverbio Dicembre
Da Santa Lucia (13 dicembre) il freddo si mette in via.
Avanti Natale, né freddo né fame.
A San Nicola di Bari (6 dicembre), la rondine passa i mari.
Chi si rinnova per Maria (8 dicembre), scampa la malattia.

Un felice Dicembre  amici cari con una piccola favoletta;

La leggenda del PettirossoErithacusHyrcanus

Nella stalla dove stavano dormendo Giuseppe, Maria e il piccolo Gesù, il fuoco si stava spegnendo. Presto ci furono soltanto alcune braci e alcuni tizzoni ormai spenti. Maria e Giuseppe sentivano freddo, ma erano così stanchi che si limitavano ad agitarsi inquieti nel sonno.

Nella stalla c’era un altro ospite: un uccellino marrone; era entrato nella stalla quando la fiamma era ancora viva; aveva visto il piccolo Gesù e i Suoi Genitori, ed era rimasto tanto contento che non si sarebbe allontanato da lì neppure per tutto l’oro del mondo. Quando anche le ultime braci stavano per spegnersi, pensò al freddo che avrebbe patito il Bambino messo a dormire sulla paglia della mangiatoia. Spiccò il volo e si posò su un coccio accanto all’ultima brace. Cominciò a battere le ali facendo aria sui tizzoni perché riprendessero ad ardere. Il piccolo petto bruno dell’uccellino diventò rosso per il calore che proveniva dal fuoco, ma il pettirosso non abbandonò il suo posto. Scintille roventi volarono via dalla brace e gli bruciarono le piume del petto ma egli continuò a battere le ali finché alla fine tutti i tizzoni arsero in una bella fiammata. Il piccolo cuore del pettirosso si gonfiò di orgoglio e di felicità quando il bambino Gesù sorrise sentendoSi avvolto dal calore. Da allora il petto del pettirosso è rimasto rosso, come segno della sua devozione al Bambino di Betlemme.

Annunci

BUON 2010 – vi voglio bene

Carissimi amici! dopo 5 giorni di speranza e automedicazione il 23 ho dovuto andare al pronto soccorso, dopo sei ora … […] diagnosi frattura ingranata del collo omerale con lieve aumento in ampiezza dello spazio subacromiale…[…] ah dicevo allora giustificato quell’dolore insopportabile ^^ era gia l’una di notte passata, qundo finivano tutti gli esami, e alla fine dice il dott. RICOVERATO SUBITO! COSA??? Ma mi opera adesso sul due piedi? no no, ma cmq devo rimanere … e poi lunedi si fanno altri accertamenti per l’operazione … IO non capivo piu niente … no noooo, io vado a casa e torno dopo… pensa, stare li, ma poi non ti facevano niente sotto le feste… sighhh col cavolo! COSI … dottore arrabbiato e poverino molto stanco, io spaventata da morire, ma firmato che torno a casa contro parere medico…

24 dicembre …. HO passato una meravigliosa giornata oggi! … fasciata come salame, servita e coccolata da mie bimbe… e 27 ricomincia l’odissea per il ricovero! ma e l’ultimo natale a questa casa, poi da luglio cambia la mia vita, la mia bimba va a convivere con il suo fidanzato, e x lei questo natale significava tanto… cosi…. sono sicura che cosi dovevo fare!

vi confesso sono spaventata, … ma ridiamoci soppra … poteva andare peggio !! spero che anche voi avete passato una bella e serena festa.

 vorrei AUGURARVI UN 2010 RICCO D’AMORE, PACE E TANTA FORZA! che non VI manchi mai un sorriso al mattino. e tanti abbracci fatto con sincero amore!

spero a presto… un abbraccio a tutti voi…  😦

lisa