Passato – Presente -Ricordi

AWARD 2014 ♡ “Lovely Blog” Award ♡
Condizioni del premio: niente condizioni….

ma se voi …
raccontate ai vostri lettori 10 cose che si sappiano o meno di voi ma che sono vere. Indicate dieci persone che hanno diritto al premio e siate sicuri di far loro sapere che sono stati contrassegnati – un breve commento sul loro blog andrà bene –

La cosa bella di questo premio, non è tanto la catena, che si può anche interrompere, ma dire qualcosa di se.
Questo lo trovo bello e perchè no?- ci aiuta ad avvicinarsi un pò di piu’… non dimenticate;
Dietro ogni essere umano c’è un paradiso piccolo o grande dove ci si puo’ rifugiare a sognare per vivere. ~ Romano Battaglia ~

 

Credere non è fidarsi
Amare non è soportare
Accontentarsi non è vivere.

Questo e la mia …

1 – Come è cambiata la tua vita con il blog?
Il mondo virtuale e interessante, stimolante. [e mi sento meno sola]
In fondo un pò tutti siamo soli, o no?

2 – Descriviti con un solo aggettivo;
Combattente!

3 – Quale stato d’animo vi rappresenta meglio?
“Abbi un cuore che mai indurisce,
un carattere che mai si stanca,
ed un tocco che mai ferisce.”
{Charles Dickens}

4 – Trovate più seducente l’intelligenza o l’attrazione fisica? –L’inteligenza! … un buon cervello, un pensatore e stimolante! e pò diventare anche seducente!
– ma essere gradevole nel aspetto non quasta. –

5 – Il vostro motto è …
– “E’ la gente senza fantasia che è la peggiore; solo quelli che la possiedono conoscono la vera essenza delle cose.”

6 – Quanti libri leggi in un anno?
Tantissimi – ultimo letto: TRE UOMINI IN BARCA ( per non parlar del cane) di Jerome Klapka Jerome /Fabbri Editore/
Un pensiero;
– “Dunque, stabilito che il tasso di pensieri felici è nelle fiabe molto alto, ecco come indicato una possibile cura per l’infelicità quotidiana. Come abbiamo visto, se i libri curano in prima battuta chi li pensa e li scrive, a maggior ragione un pò di bene passerà anche a chi ne ha bisogno.”

7 Un diffetto/pregio su di te;  [ …] Dico sempre quello che penso, e poco mi importa se non è propio ciò che si aspettano da me …

8 – Musica/strumento preferito?  classica/pianoforte

9 – Poi dire la città dove abiti? [solo se ti va]
– io questo momento a Padova –

L’amicizia “virtuale” [per te] …
Per me conta! – se sincera e sa trasmettermi emozioni, diventa quasi reale!
{Leggi; La mia filosofia & Internet ♡ } link

10 – Quanto trovi stupido/carino questi piccoli attenzioni, come un pensiero Award?
– Mi piace, mi piace quel poco di sapere, immaginare i mie amici di penna ♡

10/ – Credi nella magia?
{non rispondere solo sì o no, motiva la tua risposta}
“Chi non crede nella magia è destinato a non incontrarla mai.” {Roald Dahl}
“Ti ricordi da bambino/a, guardavi la vita come un misto di stupore e timore? Ti sembrava piena di magia e di stimoli, e anche la cosa più piccola era eccitante: una farfalla che volava, un foglio cadente dal albero, la luce delle stelle…
Ti sembrava di essere in un mondo di magia …
Certo, non riuscivi a capire come Babbo Natale potesse accontentare tutti i bambini in una notte sola, senza mai dimenticarsi di te. Poi, però, con l’età adulta, la magia nella quale credevi da piccolo sparisce, si dissolve.
Ebbene, io sono qui per dirti che la magia nella quale credevi non è scomparsa, è dentro di ognuno di noi. ♡

+11 mese/giorno dell tuo compleanno?  18 dicembre – *sagittario

 

 

“Lovely Blog” Award ♡l

Lovely Blog -  Award -2014

Diemme 

Ambizione, ali della mente: mai accontentarsi della mediocrità – se mediocri non siamo  

Diemme e la mia prima amica blogg  nel lontano 2009

LA ZUCCA INCANTATA di Elena ♡♡♡

Elena e fantastica, taglia, cuce, sforna, fotografa, scrive, descrive, corre, amorevolmente coccola gli amici,  mamma innamorata della sua bimba,  insomma una zucchetta adorabile da leggere i suoi racconti rimani affascinato/a -Le voglio un mondo di bene! ♡♡♡

VIA DELLA POLVERIERA il monticiano

Antonella Riviello

il mondo di Arthur 

isabella scottile

mie emozioni in immagini e parole

L’angolino di Ale

Patrizia M ♡

Viola -opinionistaper caso

Parole Pensieri Emozioni-Carlo Galli

Scala di Cristallo    –  Aiutami a Volare…la guida e l’esperienza di chi come te ha provato la disperazione e la solitudine di un attacco di panico

caterinarotondi♡  Il suo pensiero e:

La triste notizia e che due carissimo amico non e più far noi … che mi addolora moltissimo …  Sempre nel mio cuore!

VIA DELLA POLVERIERA il monticiano

il mondo di Arthur

Ho riportato questo ricordo, per nostalgia, Per ricordarvi,  … perchè ero assente per più di un anno, perchè la morta di mia mamma,  mi ha spezzato le ali, ma ora cerco di recuperare il tempo, perchè per me scrivere e un antidoto contro il dolore … Domanda che faccio a voi; usate ancore questi piccolo pensieri #Award? O come ogni cosa bello … non esiste più? Messaggio per i nuovo iscritti/Amici, chi trova carino, e vorrebbe partecipare, il 10 domanda trova nel commenti, basta COPPIA E INCOLLA  per giocare con noi, per conoscerci quel poco che rende umano la vita virtuale ❤

LISA5

Annunci

Buongiorno

received_10209226721616523

Grazie di cuore per i vostri messaggi.

Non ho superato ancora la perdita di mia mamma 😦

Sono ancora a Budapest …

Vi voglio bene ❤

295 – Ci sono persone …

Non aveva ambizioni.
Era solo una matita, che scriveva, tratteggiava, si fermava,
trovava la strada lungo una pagina oscura.
Ma amava il suo destino.

Ci sono persone pennarello: che sottolineano la vita con l’evidenziatore.
Persone stilografica: attente e nostalgiche.
Persone biro: veloci, rapide.
E poi persone matita: che attraversano la vita leggere,
ma senza paura di essere cancellate.

271 – L’Angelo Custode

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Stasera prima di dormire penso agli abbracci non dati e ai tanti mai ricevuti. Buona notte  mondo di amici …  “Quando vuoi bene a qualcuno non conta dove si trova. Ma conta solo che tu possa ascoltare la sua presenza nel tuo Cuore.” ♡

AMICIZIA

“…nella solitudine, nella malattia, nella confusione, la semplice conoscenza dell’amicizia rende possibile resistere, anche se l’amico non ha il potere di aiutarci. È sufficiente che esista. L’amicizia non è diminuita dalla distanza o dal tempo, dalla prigionia o dalla guerra, dalla sofferenza o dal silenzio. È in queste cose che essa mette più profonde radici. È da queste cose che essa fiorisce…. “  – Pam Brown

[Albert+Einstein.jpg]

L’Angelo Custode

I primi raggi del sole della mattina, filtrando dalle persiane chiuse, illuminavano un poco il letto nel quale Giacinta aveva passato un’altra di quelle terribili notti di sofferenza.

La mamma si era appisolata sulla sedia in fondo al letto e Giacinta chiamandola piano piano la sveglia.

Ora vai mammina cara, vai a riposare nel tuo letto, io sto meglio.

La mamma aprì gli occhi e senza neanche una parola si trascinò nella sua stanza, era veramente distrutta da quella vita.

Giacinta tirò fuori del cassetto del comodino, il libro che le aveva regalato la sua amica Elena.

Il libro parlava d’Angeli.

Cominciò a divorare letteralmente le pagine di quel libro rifugiandosi in un mondo fantastico dove le misteriose creature erano protagoniste d’incredibili vicende,
sempre accanto alle persone che avevano bisogno d’aiuto.
Un intero capitolo di questo libro era dedicato alla loro evocazione.

Preghiere e nomi d’Angeli scorrevano sotto gli occhi di Giacinta che non vedeva l’ora di imparare come fare per farsi aiutare da uno di loro, non ne poteva più delle sofferenze che quel male le causava.

Nel pomeriggio aveva già finito di leggere il libro e quando Elena tornò per giocare un po’ con la sua amica del cuore gli Angeli furono il tema dei loro discorsi d’adolescenti e se li immaginavano giovani e belli.

Nella notte che venne, Giacinta stava bene e non aveva voluto che la mamma le stesse accanto, ma ella non se n’andò tranquilla a dormire in camera sua, prima d’averle acceso sul comodino una radio babysitter, per ascoltare la figlia anche di notte.

Quando Giacinta fu sola nella stanza cominciò a pronunciare le evocazioni e tutte le preghiere contenute nel libro… passava il tempo e nulla accadeva.

Giacinta si cominciò a sentire male e sapeva che le stava venendo un’altra delle sue crisi, allora per non svegliare la mamma spense la trasmittente della radio babysitter, piangeva, stava perdendo la fiducia che l’aveva animata fin li, ma continuava a ripetere le preghiere del libro.

La mattina portava i suoi tiepidi raggi di sole attraverso le finestre e la mamma che dormiva ancora, fu svegliata dalla radio che con un insistente bib bib stava segnalando l’esaurimento delle batterie.

Chiamò Giacinta, ma non ottenne risposta.
La trovò nel letto con il libro aperto, accanto.
Aveva un volto sereno.
Toccandola, capì con disperazione che se n’era andata nella notte e la strinse a se e la chiamò e la strinse ancora…

“Perché Giacinta te ne sei andata così ” le diceva.

Sentì di nuovo il bip bip della radio che aveva posato lì vicino entrando in camera, e ad un certo punto da questa udì chiaramente la voce di Giacinta che la chiamava “Mamy, non piangere ” le diceva:
“Io ora sto bene, non soffro più; non aver pena, ho chiesto io di non soffrire più così e sono stata esaudita.”

Mentre sentiva queste parole, un raggio di sole iniziò a colorarsi d’arcobaleno e i puntini di quest’arcobaleno formarono una figura, un giovane bello come non si era mai visto, teneva per mano la giovane Giacinta che sorridendo alla mamma, continuava a parlare per mezzo della radio

“Questo è il mio Angelo custode ed è venuto a prendermi, ora è tempo di andare, ma tu vivi, non lasciare che il rimpianto sia l’unico suono della tua vita, ma colorala con un arcobaleno di motivi, perché un giorno ci rivedremo e quel giorno sarò orgogliosa della mia mamma”

L’immagine si dissolse nell’aria fresca della mattina e l’arcobaleno volò fuori della finestra lasciando il solito bip di richiamo nella radio.

La mamma, prese il libro che era accanto a Giacinta e nella pagina aperta c’era l’immagine dell’angelo che aveva visto con sua figlia e sotto scritto:

Non temere di essere sola mamma, tu sei stata un Angelo per me fino ad ora,
ma non perdere mai la fede che questo è vero, sei ancora Angelo …  Le mamme lo sono. Giacinta

♡♡♡

Le favole non sono parole fantastiche dettate dalle illusioni di persone che vogliono “colorare” le loro giornate inventando storie magiche, ma che tutto e’ calato nel reale, nel mondo in cui viviamo, il mondo che a volte non vediamo e non sentiamo…

Vietato calpestare i sogni ©ELisa


269 – Grazie Amici ♡ … a modo mio

Laggiù in Virginia le magnolie formavano boschi.
Alcune erano alte trenta metri e anche di più.
Ma laggiù in Virginia le magnolie si sentivano a casa.
La magnolia che aveva messo radici nel villaggio di Fuhlam non era così alta.
Era una giovane magnolia ma era sola.
Intorno non aveva una famiglia di magnolia ma piante diverse tutte.
Alcune però le conosceva o le riconosceva la strana foglia a cinque punte del liquidambar.

Aveva visto sbocciare con invidia e grande gioia i fiori verdognoli dell’albero dei tulipani e i profumati grappoli della rubinia.
Erano tutte parenti.
Venivano dalla sua parte del mondo.

L’Europa e come lei avevano fatto tutto il viaggio piantate in tinozze piene di acqua al fondo, nel cavo di uno “strano albero che galleggiava sull’acqua, spinto dalla brezza dolce del vento che faceva gonfiare i fiori bianchi senza mai riuscire a strapparli …

Viaggiare per conquistare, nuovi boschi e nuove terre, a gara con le altre piante, era un dovere per lei, e per ogni magnolia e per ogni fiore del mondo.

Dall’altra parte del mondo, dalla parte in cui il sole scompare, i semi trovavano il modo di scavalcare i grandi fiumi e perfino le montagne innevate.

Ma dalla parte in cui il sole si leva alto nel cielo c’era una grande distesa d’acqua salata su cui i servizievoli uccelli e gabbiani si avventuravano a volte.

Ma un giorno uno strana creatura che non sapeva volare, incantata come gli insetti e gli uccelli dai bei fiori variamente profumosi, si era messa al suo servizio.

Non erano mancati i disagi le paure e le avversità.

Ma quella mattina di dicembre in cui sbocciati candidi fiori come per miracolo, dallo stupore negli occhi degl’uomini e delle piante intorno tutte, proprio quella piccola magnolia seppe di aver conquistato un nuovo regno e tanti amici, una vera e bella famiglia.

Ben venga un nuovo anno di serenità, salute,
gioia nei cuori di tutti,
specie di chi ne ha molto bisogno!
Imennsamente grazie a tutti voi e …
Buon anno 2015 mondo di amici ♡ Elisa

Pensiero per oggi, mercoledi 24 sett

Pensiero per oggi; “Volta il viso verso il sole e le ombre cadranno dietro di te”

“La persona che solleva il morale agli altri e contribuisce al buonumore di tutti, è spesso la persona più triste e più sola.
Non l’abbandonate, perchè non vi confesserà mai che ha bisogno di voi.”

Vi lascio un abbraccio circolare, sono assente per motivi  … beh sono tanti, per ora e raro che riesco ad avere una connessione internet! Ma quando riesco  sono felice, mi manca il contatto con il mio blog!  Spero che presto torna un pò di serenità! ©ELisa

LA (mia) FILOSOFIA

LA (mia) FILOSOFIA E L’INTERNET

La vita è piena d’avversità, delusioni, ma è la nostra vita ed è la cosa piu meravigliosa che abbiamo. Basterebbe soffermarci ogni tanto a capire le ragioni delle persone, a vedere oltre gli occhi entrando il loro cuore.

Ma no, alla fine è sempre più facile tapparsi le orecchie e mettere un paio d’occhiali da sole per non vedere, per non capire.

      Non ci sto, ho toccato il fondo nella vita, ho dovuto imparare a odiarmi per sapere quanto amore avessi, e ho deciso. Non ha senso vivere una vita senza amore, chiudendo il cuore imprigionandolo nell’indifferenza,
ho capito che l’importante, nel bene o nel male è riuscire ad ascoltare il nostro e il cuore degli altri, perché altrimenti esisterebbe solo il niente e dal niente non si può tornare indietro…

Sono ottimista, mi sento viva anche se sto soffrendo nella mia vita ma ne sono felice perché so che questa sofferenza farà sì che io rinasca con una luce diversa, più luminosa e intensa che mai.

Nelle nostre blog’s, come nella vita reale, le persone hanno dentro di se un gran desiderio, capire ed essere capiti, volersi bene… abbracciarsi e condividere con gli altri quella che è la propria vita… sorridere.

Non ha senso scappare, fuggire dalle cose o dalle persone, solo affrontando tutto ciò che ha di fronte a noi può renderci migliori e può farci sentire orgogliosi di noi stessi..

PRIMO VOLTA …
Molti di noi vivono la vita distrattamente, lasciando che ci scorra addosso, e spesso, senza renderci conto che vicino a noi sono delle persone che possono renderla migliore.

Una sera girovagavo sull’internet, con dei pensieri tristi e con un senso d’apatia, che faceva dire a me stesso: ma cosa ci faccio io qui?
Nel mio vagabondare sono finito davanti ad una porta con poche indicazioni sul tipo di persone che viveva dietro a quella porta, ho bussato e mi è stato aperto, ma non sicuro di me non varcai quella soglia subito, esitavo, forse avevo il timore di trovare qualcosa di non gradito e in ogni modo incerto.
Qualcuno da fuori mi chiama e mi saluta, rispondo per cortesia e scambio due parole, che diventa alla fine una gradevole chiacchierare senza accorgersene che si e fatto tardi. Anche dopo che ho chiuso il pc, continuavo a pensare a lei, e improvvisamente mi usci un sorriso. Cosa che da tanto tempo, non mi capitava. Sorridere.
Per un po avevo tante cose da fare, ma quando una sera mi sedetti davanti al pc, mentre aspettavo il collegamento mi viene in mente lei, e speravo di ritrovala. Era una bella sensazione. Quasi subito comincia a lampeggiare un invito nel chat… era lei. Cominciamo a chattare come due “vecchie amiche”, ad un certo punto mi “afferra per mano” e mi dice; vieni con me, la seguo istintivamente con fiducia, curiosità, e già con un senso di leggerezza dentro di me, sconosciuto.
Seguendo questa persona che già consideravo amica, anche se in parte sconosciuta, sono inciampato più volte, sono caduto, e lei sempre vicina a tendermi la mano, ad incoraggiarmi, capace di darmi la sensazione di essere lì, seduta vicino a me di fronte al PC, di spronarmi perfino, ma sempre molto gentilmente, fino ad un luogo dove vi sono dei suoi amici, che io ho potuto intravedere ma non conoscere per il momento.
Cominciata cosi …

“Mi hanno accolta, con affetto, mi hanno dato l’amicizia, e hanno risvegliato in me l’amore, l’amore per la vita e per la poesia.”
Per la verità, mi piaceva scrivere da sempre, già da bambina scribacchiavo, ma poi nel mio dolore, vivendo nel mio solitudine ho perso il gusto di scrivere.
Per fare breve, con il loro pazienza e l’affetto che mi hanno dato, sono tornata viva, “virtualmente”

 Per me da quel momento in poi, come respirare ossigeno puro…
Avevamo l’abitudine verso le 22.30 riunire davanti al pc e scrivere, poesie a più mani.
Ma non solo poesie. In questo gruppo c’era tanto voglia di aiutare gli altri. Anche con un semplice “buon giorno” ti facevano capire, che non sei più sola. Eravamo una piccola famiglia virtuale, ma molto più vera, quanto non sia nel vita reale!

Penso a loro con immenso affetto, e so che li porterò sempre nel mio cuore, anche se da tempo il destino ci ha divisi, ma non i ricordi e la mia affetto, che porterò sempre nel mio cuore.
E per far capire meglio vi racconto una favola …

… Tantissimo tempo fa, Dio decise di lasciare la terra perché la pace non regnava più nei cuori dei suoi figli, cosi volle tornare nel suo paradiso portandosi con se i semi della vita.
Appena ebbe riempito il suo sacco volo in alto al di dei cieli, senza accorgersi però, che questo, aveva un piccolo foro, da dove durante il tragitto, una parte dei semi riuscirono a disperdersi nell’universo.
Alcuni si posarono sulla stelle e sulla luna, anche il sole volle la sua parte, altri vagarono nel cielo prima di ritornare di nuovo sulla terra.
Un seme cadde in un fiume e si lasciò trasportare dall’acqua e dopo aver sfiorato i riflessi di un lago raggiunse il mare, in un giorno di arcobaleno.
un seme invece venne raccolta da un mago, uno venne preso da un angelo, nulla si perse, persino una briciola ebbe la sua parte.
E ‘cosi che nacquero i Poetxcaso che si sono ritrovati nel quadro di questo tenero dipinto di parole.

Link: Poesia con Amore 

Gli “Amici”

Gli amici Gli amici hanno bisogno uno dell’altro proprio come un fiore ha bisogno della pioggia per aprirsi e mostrare la sua bellezza. L’amicizia dovrebbe essere un preziosa carezza di cui non puoi fare a meno. ~ Sergio Bambarén ~ Friends Friends need each other just like a flower needs the rain to open up […]

Vota:

Amicizia vera

AMICIZIA VERA.. tu ce l’hai? Soffermati un momento, siediti tranquillo e guarda dentro di te. Puoi dire di avere un amico, un amico vero quello con la A maiuscola?  Quello che se stai male sta con te, ti ascolta, non importa che ore sono, che tempo fa o se il tempo ce l’ha oppure no. […]

Vota: