Il Mondo Di Beatrix Potter


 


Beatrix Potter è stata una conosciutissima scrittrice e illustratrice inglese di libri per bambini.

Vissuta tra il 1866 e il 1943, non frequentò mai la scuola e, poiché suo fratello era spesso assente, crebbe circondandosi di piccoli animali, che imparò ben presto a disegnare con grandissima precisione.
Trascorse le estati della sua infanzia in campagna, e qui nacque la sua passione per la natura e per le creature viventi, che rappresentò sempre più mirabilmente nei suoi acquerelli.
Nel 1902 pubblicò un primo libro per bambini, La Storia di Peter Coniglio, che insieme ai successivi divenne celebre in tutto il mondo, vendendo milioni di copie.
Acquistò una fattoria nel Lake District, Hill Top, nel villaggio di Sawrey, e molti dei suoi racconti e delle illustrazioni a corredo s’ispirano a questo luogo e ai suoi abitanti.

Alla sua morte, nel 1943 lasciò in eredità tutti i terreni agricoli al National Trust in modo da lasciare  quei terreni incontaminati preservandone la salvaguardia ambientale.

Hill Top fu un luogo che amò per tutta la vita. Ristrutturò la casa colonica e creò un bellissimo giardino all’inglese. Ritroviamo questa splendido cottage in molte delle sue illustrazioni:

In The Tale of Tom Kitten (1907) Tom e la sua famiglia vivono in una casa come Top Hill e le illustrazioni mostrano il portico, scorci degli interni e il meraviglioso giardino fiorito.

The Tale of Samuel Whiskers (1908) ha molte scene che mostrano le stanze della casa. La storia è stata ispirata da una vera e propria infestazione di ratti a Hill Top.

The Tale of Ginger e Pickles (1909)  è ambientato in un negozio di Sawrey. L’anziano proprietario è apparso nella storia su sua richiesta, come un ghiro. Beatrix era parte integrante della comunità locale. Gli abitanti erano felici di vedere le rappresentazioni delle loro case e dei loro animali nei suoi libri.

The Tale of Pigling Bland (1913) racconta la storia dei maialini, tra cui Pig-wig che Beatrix volle come animale da compagnia perché giudicato troppo piccolo. Nel finale romantico Pigling Bland e Pig-wig, i due porcellni, fuggono insieme. Fu pubblicata l’anno del matrimonio di Beatrix Potter e William Heelis, anche se Beatrix negò che l’immagine suggestiva della fuga dei due maialini rappresentassero lei e William.

Oltre ai tutti i racconti pubblicati in edizioni singole o in raccolte, esiste un delizioso libro dal titolo Beatrix Potter A JournalE’ la storia della vita di Beatrix Potter (in lingua inglese) come una giovane donna nell’Inghilterra vittoriana mentre lotta per raggiungere l’indipendenza e di trovare il successo artistico e l’amore romantico. Graficamente il testo sembra un diario (probabilmente prende spunto dai diari di Beatrix ritrovati postumi ) illustrato con una grafica come se fosse un giornale dell’epoca.
E’ un viaggio attraverso i luoghi in cui ella ha vissuto partendo da Londra verso la Scozia poi nel Lake District.
Acquerelli, schizzi, fotografie, lettere, foto di oggetti e cimeli d’epoca per ricreare un mondo dove la natura e la fantasia sono brillantemente combinati. Una vera delizia per i collezionisti!:)

Nel 2006 è stato girato il film nel dal titolo Miss Potter con Renée Zellweger nel ruolo della scrittrice. La storia racconta come iniziò la sua carriera e la relazione tra Beatrix e Norman Warne, che si è sviluppò durante la pubblicazione dei primi libri su Peter Rabbit.
Nel 1992 vengono trasmessi i cartoni animati delle avventure di Peter Coniglio e nel 2006 è stato realizzato un film ispirato alla sua vita, Miss Potter.

– La Storia di Peter Coniglio
– La Storia di Nutkin Scoiattolo
– Il Sarto di Gloucester 
– La Storia di Benjamin Coniglio
– La Storia del Signor Jeremy Pescatore
– La Storia di Jemima Anatra de’ Stagni
– La Storia dei coniglietti Flopsy
– La Storia del Signor Tod
– La Storia di Johnny Topo di Città
– La Storia di Porcellino Robinson

Per esempio, in La Storia di Peter Coniglio l’autrice non si pone alcun problema nell’affermare che il papà di Peter e degli altri coniglietti è finito in un bel pasticcio, ed esplicita il gioco di parole spiegando che è stato mangiato da due contadini. Peter, uno dei conigli protagonisti, disubbidisce alla madre e si reca nel giardino del Signor McGregor, luogo a lui proibito, rischiando di essere catturato e messo in forno, esattamente com’era accaduto a suo padre.
Per tutto il corso della narrazione è la suspense a dominare e alla fine Peter paga per il suo comportamento sbagliato: si ammala e, diversamente dai fratelli – che sono stati bravi e prudenti – non può gustarsi una buona cenetta.

il-sarto-di-gloucester_1

Il Sarto di Gloucester, invece, ci porta in un’atmosfera ovattata e magica che rimanda moltissimo a Canto di Natale di Charles Dickens.
Siamo alla Vigilia di Natale e il giorno è tanto sovrannaturale e incantato che tutto può accadere: gli animali parlano e un vecchio sarto malato non ha più filo per terminare la cucitura della giacca e del panciotto commissonati dal sindaco per il suo matrimonio. Troppo stanco e provato per poter uscire a comprarlo, affida l’incarico al suo gattino Simpkin ma il rocchetto di filo sparisce e il pover’uomo si ritrova impossibilitato a continuare il lavoro.
Immaginate la sua sorpresa quando, il giorno di Natale, trova nella bottega giacca e panciotto perfettamente cuciti… Qui c’è lo zampino di manine invisibili, anzi, di zampine invisibili…

Molto simili sono La Storia di Benjamin Coniglio e La Storia dei coniglietti Flopsy.

La stessa suspense la fa da padrona anche nella Storia di Nutkin Scoiattolo, diventando quasi paura.
Questo episodio mi ha ricordato in qualche modo le fiabe di un tempo, quelle destinate a spaventare i bimbi, a metterli in guardia dai pericoli, a tenerli incollati al libro dall’emozione anche se rabbrividiscono di terrore.
Di nuovo Beatrix Potter mostra come i comportamenti negativi – la maleducazione e la sfacciataggine, in questo caso – possano mettere nei guai chi li esibisce: lo scoiattolo Nutkin rischia di essere scuoiato dal Vecchio Brown, il gufo che si è divertito a provocare fino all’ultimo, e se anche meriterebbe davvero di essere divorato, alla fine perde la sua preziosissima coda e impara la lezione.

Altrettanto piacevoli da leggere sono La Storia del Signor Jeremy Pescatore, che ho apprezzato particolarmente per le illustrazioni, La Storia di Jemima Anatra de’ Stagni, in cui un’anatra molto sciocca finisce per andare a covare le uova a casa di una volpe, La Storia di Johnny Topo di Città che mostra chiaramente le differenze tra chi vive in campagna e chi in una grande metropoli, e La Storia di Porcellino Robinson, il più avventuroso di tutti i racconti della Potter, ambientato tra porticcioli, navi e traversate per mare.

Età
Lettura ad alta voce: dai 3 anni in su
Lettura indipendente: dai 6 anni in su

Particolarità e consigli d’uso
Ideale da leggere prima di andare a dormire, come racconto della buona notte!
Grazie allo splendido apparato illustrativo che impreziosisce i volumi essi si presentano come un regalo ideale per le festività e i compleanni.
Ottimo spunto per laboratori, lavoretti e lezioni legati alla natura, alla scoperta dei boschi, allo studio dell’alimentazione e del comportamento di piccoli animali.
Indicato come punto di partenza di temi o dibattiti legati agli animali da compagnia e da cortile, nonché delle foresta; allo stesso modo utile per introdurre argomenti quali le fattorie, le riserve naturali e gli habitat.
Si potrebbe inoltre utilizzare per lezioni sul disegno e sugli acquerelli, nonché sull’anatomia degli animali.
Ogni storia presenta tematiche d’interesse da indagare o approfondire (rapporti famigliari, rapporti con la società, prede e predatori, sopravvivenza, vita di città e vita di campagna.

 

♥ UNA LETTURA MERAVIGLIOSO ♥

“Non leggete, come fanno i bambini,
per divertirvi, o,
come gli ambiziosi, per istruirvi.
No, leggete per vivere”.
Gustave Flaubert
Lettera a Mille de Chantepie, 1857

fonte: Miss Jane♡      fonte spulcalibri♡ 

Sperling & Kupfer http://www.sperling.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...