Il Canto autunnale delle Fate


Bisogna aver vissuto e filosofeggiato a lungo per imparare a dovere la scienza di tormentarsi squisitamente ( I. Nievo )

Il Canto autunnale delle Fate

Sveglie dal sonno care sorelle,
portiamo ovunque le attese novelle,
la stagione Caldosole è pronta ad andare,
il turno al vecchio autunno vuol lasciare!
Dipingiamo nell’aria i nuovi colori,
messaggi di freddo che scaldano i cuori:
rosso carminio, marron bruciacchiato,
là sui cespugli, qua sul selciato!
Le foglie già spente salutano il padre
prima di cader a terra addormentate.
Sotto la quercia, tra i rami più secchi,
spuntano i funghi sbirciando sottecchi
e giù nella valle il ruscello gorgoglia,
annuncia al buon vento di malavoglia
il suo canto di gelo lungo le sponde,
melodica culla delle placide fronde.
Tutte insieme, amiche incantate,
prepariamo la foresta per le grandi nevicate,
polvere fatata e un po’ di magia,
una ninna nanna cantiamo in armonia
perché nel bosco vegli ognor il nostro sguardo
sul letargo di ogni creatura, come un dolce baluardo
e perché sempre regni la tranquillità,
nel cuore di tutta la comunità!

( Testo e foto: Clelia Canè )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...