Un pensiero al giorno :-) … Amare

 

Aspetto con fiducia che ritorni il sole
ad illuminare con tenerezza i tuoi semplici occhi
spenti ormai dalle difficoltà della vita
e dal sopravvento che i vecchi ricordi
da tempo feriscono con crudeltà la tua anima
che prima era la protagonista di quella splendida favola.
Ancora attendo quel sole
e nutro per te una sincera speranza
perchè la vita ti da sempre possibilità di rimediare
finchè non avrai lottato abbastanza.
Inizia oggi un nuovo giorno
e luce pura si riflette sulle tue guance
deformate da un sorriso che mancava
al mondo ed alle sue formali apparenze
che fanno in modo che tutti debbano sempre essere felici
non lasciandoci neanche un attimo per pensare
che il dolore è la spinta che da al cuore
l’energia necessaria per iniziare di nuovo ad amare.
Un Pensiero al giorno ©Elisa
Bellissimo sole che nasce, calda e dolce carezza….
Un BENVENUTO di cuore ai nuovi Amici … e
un abbraccio forte a chi già alberga nella mia anima ♥ ♥ ♥
Lisa

Pensiero per oggi, mercoledi 24 sett

Pensiero per oggi; “Volta il viso verso il sole e le ombre cadranno dietro di te”

“La persona che solleva il morale agli altri e contribuisce al buonumore di tutti, è spesso la persona più triste e più sola.
Non l’abbandonate, perchè non vi confesserà mai che ha bisogno di voi.”

Vi lascio un abbraccio circolare, sono assente per motivi  … beh sono tanti, per ora e raro che riesco ad avere una connessione internet! Ma quando riesco  sono felice, mi manca il contatto con il mio blog!  Spero che presto torna un pò di serenità! ©ELisa

Solitudine e la certezza di un domani migliore

Freddo, si che freddo. E un freddo speciale, diverso, niente scalda, coperta, cappotto, nulla serve, sento freddo, tanto freddo.
Mi siedo su un marciapiede, il sole sul viso e l’anima di un gattino rannicchiato, infreddolito.
Una carezza… è il sole che mi accarezza piano il viso.

Rabbrividisco per un istante, fa freddo, non ci sono treni, non ci sono stazioni, il sole, ci sta solo il sole.
Chiudo gli occhi, non sono sola, ci sta il sole.
Il gattino rannicchiato dentro di me, mi dice: “Lasciami in pace” dammi pace, lo sento respirare, vuole vivere.
La borsa per terra, non vedo chi passa, non vedo nulla, sento solo freddo.
Una canzone mi dice…”Con le mani puoi costruire castelli, autostrade.
“Costruire”, si muove il gattino, si stiracchia un po’ con le mani, con la forza, con tutta se stessa, costruire, mai distruggere, mai tornare indietro, e dirsi, “non posso”, no, non distruggo, lo accarezzo quel gattino.
Il sole all’improvviso lo sento dentro un po’ di tepore.
Anche se non basta riscaldare il cuore.
Che silenzio. E buio, eppure è mattina.
“L’anima” coperta da un paio d’occhiali da sole, sì la mia anima che si legge nei miei occhi, protetta da quella nuvola informe che sono le persone che mi passano davanti.
Le vedo velate, dietro i miei occhiali, un mondo che mi gira intorno e sembra non vedermi, mentre combatto con l’odore dei ricordi.
Anche loro all’improvviso stamattina qui, nella mia vita, in quest’angolo di strada.
Chi mi guarda crede che io sia pazza.
No, sto solo cercando di stringere forte nelle mie mani quel sole, di far tornare la luce.

Ho bisogno di parole, ma non parole gia sentite, non parole gia dette.
Parole che vorrei che qualcuno, inventasse per me, che vivessero solo quel tempo che dalla bocca arrivino alle mie orecchie, e che non siano mai stati di nessun altro, che possa memorizzarle, scolpirle della memoria e che siano solo mie.

Un “ti amo ” sarà di qualcun altro alla fine.
No, non è questa parola che voglio stamattina.
Suona il cellulare, ma si cosa importa chi è, non mi darà parole nuove.
Ho smesso di mangiare, ho smesso di leggere, ho smesso di scrivere.
“Lavori in corso” dentro di me. Sono cambiata.
Migliore, peggiore, non saprei.
Sicuramente, non piu io.

E andato via il sole, non sono riuscito a trattenerle, ho aperto le mani per un istante, un solo istante.
Sono vuote di nuovo.
Quanto tempo è che sono qui?
Un ora, pochi minuti, non lo so, ridacchio fra me… “se allungo una mano, mi danno l’elemosina”, scoppio a ridere, che strano suono.
Me lo era dimenticata, questo lo memorizzo, domani potrà servirmi, magari domani… “siìì … domani”.

Ma esiste chi inventa parole nuove?
Ci provo io.
Che parola potrei inventare se amassi qualcuno?
Che cosa potrei dirgli?
Non mi viene in mente nulla di mai dette.
Mi viene in mente solo questa frase, credo scontata …
– “sei il mio sole all’improvviso” –
Non la dico la metto via, domani potrebbe servirmi, sì,
forse domani.
Prendo la mia borsa, mi alzo e m’incammino, e notte, ci sono solo io in questa strada.
Non tolgo l’occhiali, non e ancora il momento, nessuno deve guardarmi dentro, ancora no.
Mi vedo andare via.
Sembro un mucchietto di stracci, e quanto freddo.

Non ha importanza dove vado, ho qualcosa in piu di ieri.
Uno strano suono dimenticato e una frase scontata da dire.
Ho messo tutto in un posto speciale, li ho messi dentro di me,
e quel mucchietto di stracci, un po’ curvo, nel buio,
illumina la strada come se fosse una stella.

 – verso l’ignoto

Copyright © Poesilandia

Un pensiero al giorno ♪ – Giovedi

http://youtu.be/Wa9fo5qcyeI  – Andrè Rieu -The Waltz goes around the word

Prendetevi un momento per apprezzare la civiltà e la bellezza senza tempo della musica.

Buon giorno con   s o r r i s o

Lisa

* La felicità è come una farfalla:
se l’insegui non riesci mai a prenderla,
ma se ti metti tranquillo può anche posarsi su di te.*
-Nathaniel Hawthorne-

Un Pensiero al giorno♪ – Martedi – Stanotte una luna magica

Luna Magica

Stanotte una luna magica

Amo la Luna
che culla il mio animo romantico
con la sua bianca e lieve luce
e tutte le volte
che il mio sguardo
la incrociale confido
i miei segreti e desideri,
con la speranza
che possa custodirli
e un giorno …

Copyright © Poesilandia

Stanotte  una luna magica …rimasi incantato per ore.

Qua dalla mia stanza, una specie di mansarda, ho una finestra sui tetti … non sapevo cosa succedeva, [volevo solo fumare una sigeretta.]

Ma la visione fronte di me, era una spettacolo magico, l’illusione di poter toccare una luna luminosa, il cielo limpido, pieno di stelle, rimasi incantato, e curiosa,  cosi sono andato su google …  link articolo trovato
Arriva l’ultima ‘Super Luna‘ dell’anno: stanotte avremo l’ultima occasione per ammirare la Luna nel suo massimo splendore prima del 2016 …
Guardate la luna questa sera: sarà alla distanza minima dalla terra (perigeo).
Ma la cosa che la renderà speciale è che sarà anche piena.
Raggiungerà il culmine a mezzanotte.
Questa notte quindi la luna apparirà più grande e più brillante.
Forse non ci accorgeremo della differenza ma sarà comunque uno spettacolo da non perdere.

       Chè spettacolo magico! un sereno buon martedi amici

Lisa♡ [Vipiteno – 9 sett. 2014]

Un pensiero al giorno ♪ – Lunedi

“Esprimi il tuo pensiero in modo conciso perché sia letto,
 in modo chiaro perché sia capito,
in modo pittoresco perché sia ricordato e,
soprattutto, in modo esatto
perché i lettori siano guidati dalla sua luce.”
Joseph Pulitzer

Immagini …

Eravamo giovani nuvole leggere,
quando ci incontrammo io e te.
Creammo vivaci vortici di vita,
nelle stanze infinite del nostro amore.
Un giorno aprimmo poi una porta sul mondo,
da nuvole fummo pioggia e non senza dolor
toccammo cemento, alberi e terra.
Realtà provò a separare corpi già uniti,
anime mescolate come tempere,
senza più confini.
Ma nulla fu in grado di scorgere,
nel turbine dei nostri colori
vide solo un sorriso di luce.

 

Settembre …

Triste il giardino: fresca
scende ai fiori la pioggia.
Silenziosa trema
l’estate, declinando alla sua fine.
Gocciano foglie d’oro
giù dalla grande acacia.
Ride attonita e smorta
l’estate dentro il suo morente sogno.
S’attarda fra le rose,
pensando alla sua pace;
lentamente socchiude
i grandi occhi pesanti di stanchezza.
Hermann Hesse

SOGNI DOLCI … ♪♪


E LA MIA ORA QUESTA
E l’ora che lascia alla spalle il giorno passato
e va … verso quello nuovo…
E l’ora in cui si apre la porta dei sogni
e si chiude quella della realtà.
E una notte fredda d’autunno
fuori tira vento e si vedono poche stelle.
Le nuvole si muovono veloci verso la montagna
quasi avessero furia di andare a riposare …
Io, lo seguo …

SOGNI DOLCI …

e una luminosa buona giornata amici ♡ ELisa

♪Chopin Nocturne Op.9 No.2 (Arthur Rubinstein)♪ 

Buon giorno – ESERCIZIO DEL RIENTRO – 2

Un soldino per i suoi pensieri …

“A penny for your thoughts”

“Siamo formati dai nostri pensieri; noi diventiamo quello che pensiamo.
Quando la mente è pura, la gioia segue come un’ombra che non ci lascia mai.

Buddha

«Un penny per i tuoi pensieri», diceva Jeanne Moreau nel film Querelle.
È possibile guardare nella mente di qualcuno e sapere cosa stia pensando?

In uno studio appena pubblicato su «Current Biology», un gruppo della University of California Berkeley ha mostrato che è possibile ricostruire,
a partire da registrazioni dell’attività cerebrale, quello che una persona sta vedendo.
«Utilizzando sofisticate tecniche computazionali, stiamo creando un vocabolario che ci consenta di tradurre immagini in attività cerebrale e viceversa», spiega Jack Gallant, coautore del lavoro.
Il gruppo ha osservato le attivazioni neurali di tre volontari sotto risonanza magnetica funzionale mentre guardavano brevi estratti di alcuni filmati. Queste attivazioni sono state mandate a un computer che, utilizzando opportuni algoritmi, ha “imparato” la corrispondenza fra determinate immagini, come la presenza di un volto, e la risposta cerebrale.
Così, quando successivamente i tre volontari hanno guardato dei nuovi filmati, il computer ha potuto ricostruire ciò che vedevano a partire dalla sola attività cerebrale.
Questa nuova tecnologia apre le porte a una migliore comprensione di come il cervello riesca a trasformare un mondo esterno, dinamico e ricco di informazione, in rappresentazioni interne.
Lascia inoltre intravedere potenziali applicazioni in campo clinico, soprattutto nell’ambito di pazienti con gravi lesioni cerebrali.
Una delle più grandi sfide di fronte a pazienti di questo tipo è poter valutare quanta attività cerebrale sia ancora intatta, e se questa attività sia sufficiente a dar luogo a uno stato di coscienza.
Questa tecnologia potrebbe in futuro consentirci di stabilire, almeno per quanto riguarda le immagini visive, il livello di funzione cerebrale di pazienti paralizzati, non coscienti o con altre patologie che impediscono loro di esprimersi.
Ma quello che questa tecnologia non ci consente di sapere è se a questa attività cerebrale corrisponda uno stato di coscienza fenomenologica, cioè la presa di coscienza di un’immagine e le sensazioni che vi si accompagnano.
È arrivato il momento in cui i nostri pensieri non saranno più privati e potranno esserci estratti contro la nostra volontà?
Certamente no. Per adesso i nostri pensieri continueranno a costare un penny solo su uno schermo hollywoodiano.
Per la scienza di oggi cercare di leggere la mente umana è un po’ come cercare di leggere un libro di cui conosciamo a mala pena la lingua con un paio di occhiali sfuocati.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Shinji Nishimoto, An T. Vu, Thomas Naselaris, Yuval Benjamini, Bin Yu, Jack L. Gallant, «Reconstructing Visual Experiences from Brain Activity Evoked by Natural Movies», Current Biology, 22 September 2011

Musica antica

Bellissima! Naturale, briosa e cosí tanta veritá racchiusa. Grazie a Viola ♡