Parliamo_ne: UN RAGAZZO-PADRE

UN RAGAZZO-PADRE racconta al suo figlio; “Il Vuoto Intorno”

Il-Vuoto-Intorno-Copertina

Amore e sofferenza che scorrono insieme ne “Il Vuoto Intorno” il romanzo di esordio dell’appena ventenne Claudio Volpe edito dalla casa editrice “Il Foglio Letterario” di Piombino attenta talent scout di giovani autori italiani.

Il giovane autore di Catania parla con maturità di un vita che sgorga impetuosa e reale e affronta violenza, prostituzione, handicap e il rapporto tra padre e figlio. O meglio tra un ragazzo padre e il figlio, dopo la perdita della fragile madre morta suicida.

La narrazione è impostata sul racconto fatto da Achille ragazzo padre al figlio Ettore affetto da un ritardo cognitivo: un atto di amore profondo e intenso di un uomo che si mette a nudo e scopre ogni aspetto di sé, che apre al figlio il suo mondo interiore fatto di vulnerabilità, errori, dolori e ferite inferte e subite.

Una vita divorata, deprivata e depravata dominata dalla paura del vuoto, dell’assenza e della solitudine e riempita con ogni emozione fino ad una sazietà eccessiva e lacerante.

Ma in definitiva è un racconto di forza che esorcizza il vuoto affettivo che ci sta intorno e mette in guardia il figlio. La confessione di un padre al proprio figlio. Un padre che fa quello che ogni padre dovrebbe fare: farsi conoscere ed essere padre in ogni circostanza anche la più difficile. Due ruoli, quello di padre e di figlio, che non possono essere messi da parte, un legame, una dipendenza stretta l’uno con l’altro.

A volte uno scontro che nasce dal voler dare e dal non riuscirci; dal voler avere e dall’essere delusi. Una lotta alla quale l’autore forse allude rimandando alle epiche gesta degli omonimi eroi omerici Ettore e Achille.

Un libro consigliato ai padri e ai figli che possono nonostante tutto essere padri e figli: due individui ognuno con il proprio vissuto, ognuno con il bisogno dell’altro, ognuno che si riconosce riflesso nell’altro e ne trae forza.

Recensione: Morte. Rinascita. Cadere. Rialzarsi. Un ragazzo padre e suo figlio. Il racconto di una vita. Il racconto di una storia fatta di buchi e di vuoti, di cadute, di assenze che si sovrappongono e puzzano di insignificanza. Un padre che sfoga i suoi istinti frustrati sulle prostitute incontrate per strada. Una madre debole, fragile, alcolizzata, autolesionista, suicida. L’amore con una zingara dei nostri giorni, in fuga dall’amore pedofilo e incestuoso di suo padre. La fuga verso la speranza, il viaggio alla ricerca di se stessi, del proprio valore, della propria storia. Il desiderio di distruggersi, di lasciarsi coprire dal male, di sacrificarsi. La prostituzione di un uomo in cerca del peccato. La possibilità di rinascere, di sconfiggere il male, di far tremare il vuoto prendendolo a morsi. La storia di come si può perdonare, morire e rinascere. La storia di come si può ancora amare nonostante tutto il male del mondo.

Parliamo_ne? … La complicità.

Foto: Amo la complicità. Quella di chi lavora per lo stesso progetto. Quella di chi vive nello stesso ideale. Quella di chi gioca e gioisce insieme. Quella di chi si parla attraverso i silenzi. Quella di chi sa di appartenere alla libertà dell'altro. Quella di chi condivide con l'altro tutta la sua anima.Letizia Ribechini

 

Amo la complicità. …
“Quella di chi lavora per lo stesso progetto.
Quella di chi nello stesso ideale.
Quella di chi gioca e gioisce insieme.
Quella di chi si parla attraverso i silenzi.
Quella di chi sa di appartenere alla libertà dell’altro.
Quella di chi condivide con l’altro tutta la sua anima.
Quella che basta uno sguardo per capire tutto senza bisogno di parlare.”
[Letizia Ribechini]

Pubblicato da in sensazioni