LA (mia) FILOSOFIA


LA (mia) FILOSOFIA E L’INTERNET

La vita è piena d’avversità, delusioni, ma è la nostra vita ed è la cosa piu meravigliosa che abbiamo. Basterebbe soffermarci ogni tanto a capire le ragioni delle persone, a vedere oltre gli occhi entrando il loro cuore.

Ma no, alla fine è sempre più facile tapparsi le orecchie e mettere un paio d’occhiali da sole per non vedere, per non capire.

      Non ci sto, ho toccato il fondo nella vita, ho dovuto imparare a odiarmi per sapere quanto amore avessi, e ho deciso. Non ha senso vivere una vita senza amore, chiudendo il cuore imprigionandolo nell’indifferenza,
ho capito che l’importante, nel bene o nel male è riuscire ad ascoltare il nostro e il cuore degli altri, perché altrimenti esisterebbe solo il niente e dal niente non si può tornare indietro…

Sono ottimista, mi sento viva anche se sto soffrendo nella mia vita ma ne sono felice perché so che questa sofferenza farà sì che io rinasca con una luce diversa, più luminosa e intensa che mai.

Nelle nostre blog’s, come nella vita reale, le persone hanno dentro di se un gran desiderio, capire ed essere capiti, volersi bene… abbracciarsi e condividere con gli altri quella che è la propria vita… sorridere.

Non ha senso scappare, fuggire dalle cose o dalle persone, solo affrontando tutto ciò che ha di fronte a noi può renderci migliori e può farci sentire orgogliosi di noi stessi..

PRIMO VOLTA …
Molti di noi vivono la vita distrattamente, lasciando che ci scorra addosso, e spesso, senza renderci conto che vicino a noi sono delle persone che possono renderla migliore.

Una sera girovagavo sull’internet, con dei pensieri tristi e con un senso d’apatia, che faceva dire a me stesso: ma cosa ci faccio io qui?
Nel mio vagabondare sono finito davanti ad una porta con poche indicazioni sul tipo di persone che viveva dietro a quella porta, ho bussato e mi è stato aperto, ma non sicuro di me non varcai quella soglia subito, esitavo, forse avevo il timore di trovare qualcosa di non gradito e in ogni modo incerto.
Qualcuno da fuori mi chiama e mi saluta, rispondo per cortesia e scambio due parole, che diventa alla fine una gradevole chiacchierare senza accorgersene che si e fatto tardi. Anche dopo che ho chiuso il pc, continuavo a pensare a lei, e improvvisamente mi usci un sorriso. Cosa che da tanto tempo, non mi capitava. Sorridere.
Per un po avevo tante cose da fare, ma quando una sera mi sedetti davanti al pc, mentre aspettavo il collegamento mi viene in mente lei, e speravo di ritrovala. Era una bella sensazione. Quasi subito comincia a lampeggiare un invito nel chat… era lei. Cominciamo a chattare come due “vecchie amiche”, ad un certo punto mi “afferra per mano” e mi dice; vieni con me, la seguo istintivamente con fiducia, curiosità, e già con un senso di leggerezza dentro di me, sconosciuto.
Seguendo questa persona che già consideravo amica, anche se in parte sconosciuta, sono inciampato più volte, sono caduto, e lei sempre vicina a tendermi la mano, ad incoraggiarmi, capace di darmi la sensazione di essere lì, seduta vicino a me di fronte al PC, di spronarmi perfino, ma sempre molto gentilmente, fino ad un luogo dove vi sono dei suoi amici, che io ho potuto intravedere ma non conoscere per il momento.
Cominciata cosi …

“Mi hanno accolta, con affetto, mi hanno dato l’amicizia, e hanno risvegliato in me l’amore, l’amore per la vita e per la poesia.”
Per la verità, mi piaceva scrivere da sempre, già da bambina scribacchiavo, ma poi nel mio dolore, vivendo nel mio solitudine ho perso il gusto di scrivere.
Per fare breve, con il loro pazienza e l’affetto che mi hanno dato, sono tornata viva, “virtualmente”

 Per me da quel momento in poi, come respirare ossigeno puro…
Avevamo l’abitudine verso le 22.30 riunire davanti al pc e scrivere, poesie a più mani.
Ma non solo poesie. In questo gruppo c’era tanto voglia di aiutare gli altri. Anche con un semplice “buon giorno” ti facevano capire, che non sei più sola. Eravamo una piccola famiglia virtuale, ma molto più vera, quanto non sia nel vita reale!

Penso a loro con immenso affetto, e so che li porterò sempre nel mio cuore, anche se da tempo il destino ci ha divisi, ma non i ricordi e la mia affetto, che porterò sempre nel mio cuore.
E per far capire meglio vi racconto una favola …

… Tantissimo tempo fa, Dio decise di lasciare la terra perché la pace non regnava più nei cuori dei suoi figli, cosi volle tornare nel suo paradiso portandosi con se i semi della vita.
Appena ebbe riempito il suo sacco volo in alto al di dei cieli, senza accorgersi però, che questo, aveva un piccolo foro, da dove durante il tragitto, una parte dei semi riuscirono a disperdersi nell’universo.
Alcuni si posarono sulla stelle e sulla luna, anche il sole volle la sua parte, altri vagarono nel cielo prima di ritornare di nuovo sulla terra.
Un seme cadde in un fiume e si lasciò trasportare dall’acqua e dopo aver sfiorato i riflessi di un lago raggiunse il mare, in un giorno di arcobaleno.
un seme invece venne raccolta da un mago, uno venne preso da un angelo, nulla si perse, persino una briciola ebbe la sua parte.
E ‘cosi che nacquero i Poetxcaso che si sono ritrovati nel quadro di questo tenero dipinto di parole.

Link: Poesia con Amore 

Annunci

14 commenti su “LA (mia) FILOSOFIA

  1. Ciao, leggere la tua pagina é un lento scorrere degli eventi al di là delle nostre aspettative, almeno per come vivo la quotidianità io.
    Penso che non c’é nessun destino prestabilito per nessuno, ma siamo noi che interferendo nello scorrere degli eventi che determiniamo il risultato.
    Penso che emulare l’acqua si tende alla spontaneità e contemporaneamente manteniamo la nostra unità e centralità.
    Penso che praticare la non-interferenza sulle vicessitudini quotidiane, alla fine il tempo ci ricompensa sempre al meglio.

    Chiarisco non-agire (non-interferire) non significa oziare, ma dirigere le proprie azioni senza alcun scopo, ma farle e basta.

    Liked by 1 persona

  2. L’amicizia è come l’edera, si aggrappa dove può. Noi le diamo le occasioni giuste e lei fa il resto. Anche io ho incontrato grandi amici in internet, la maggior parte sono spariti poi, ma qualcuno è rimasto a farmi compagnia anche nel reale e di questo ringrazio Dio.
    Dico sempre che se Cristo fosse venuto oggi sulla terra, non avrebbe esitato a usare questo mezzo per mettersi in contatto con quante più persone possibili. O forse non lo ha fatto perchè per comunicare amore ci vuole lo sguardo?

    Una felice settimana.

    Liked by 1 persona

  3. Dopo aver letto questo tuo post cresce ancora di più in me la convinzione che non ho sbagliato ad avvicinarmi al mondo Internet perché così ho avuto la possibilità di conoscere virtualmente tanti blogger amici tra i quali te, Lisa. Il mio rammarico consiste nel fatto che è arrivato troppo tardi.

    Liked by 1 persona

  4. Ciao Lisa, è bello quello che hai scritto, con sincerità, con coraggio hai raccontato una parte così intima di te e questo ti fa onore, in un mondo dove regna quasi sempre l’ipocrisia..credimi è bello trovare persone così. Ti abbraccio e ti auguro un buon fine settimana:-) Grazie:-)

    Mi piace

  5. alla fine è sempre piu facile tapparsi le orecchie e mettere un paio d’occhiali da sole per non vedere, per non capire

    Cara Lisa, condivido le tue parole ma… gli occhiali da sole non si mettono per non vedere, ma per non essere visti, credimi.

    Che poi, uno per di più neanche veda, è un altro paio di maniche…

    Liked by 1 persona

    • Un dolcissimo abbraccio alla mia cara diemme …

      …già, noi udenti siamo sordi
      noi vedenti, siamo ciechi…

      mi rattrista ma e la grande verità!
      serena serata cara diemme con 🙂

      Mi piace

  6. Corrado Alvaro
    Il rovello di non essere amati, è cosa tutta d’oggi.
    Gli antichi non chiedevano di essere amati soltanto, ma di amare.
    L’uomo di oggi è tornato bambino e non chiede che di essere amato.
    – Quasi una vita, p.70 –

    Mi piace

  7. “LA CRESCITA NON E’ UNA META, MA UN VIAGGIO”
    POETI… x caso
    Tante cose imparato da voi…
    “Ho imparato che tutto il mondo vuole vivere nella cima della montagna,
    senza sapere che la vera felicità sta nel modo di salire la scarpata.”

    Una sera c’incontrammo
    Fu una di quelle sere
    In silenzio davanti ad un PC
    Ho scoperto
    un mondo di parole
    Sembravano note
    Cariche di magia
    Cosi e nato la mia
    prima poesia.

    con amore, poesilandia

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...